Gastronomia

Gastronomia

GASTRONOMIA CULINARIA RICETTARIO RICETTE CUCINA LOMBARDIA

Ricettario manoscritto composto tra la fine dell’ottoccento e l’inizio del XIX° secolo, zona lombarda.

9615,5×10 cm; (58) pp. Brossura editoriale marmorizzata con manoscritto al piatto anteriore “Zia annita”. Al recto del piatto posteriore “Marchesotti Maria Arquata serviva per Chiapparolo”. Le prime 18 pagine presentano una scrittura uniforme di fine ottocento, primissimi del novecento. Seguono pagine con scritture difformi sempre comprese tra il 1910 ed il 1930, alcune con ricette su foglietti volanti applicati alle pagine. Manoscritto di zona 97lombarda composto da una cuoca probabilmente di qualche famiglia nobile o benestante, in quanto a pagina (17) si legge alla fine di una ricetta “Il resto lo studi pure Domenica, se la padrona ci permette”. Alcune ricette sono applicate alle pagine.
Fra le ricette molte tipiche lombarde anche se non mancano alcune genovesi e piemontesi: Risotto di magro; Flan di fagiolini, Flan o budino di spinacci; Zuppa di spinacci; Polpettine con salsiccia; Cotolette agneletto fritte; Quaiette; Polpette di carne cruda; Fircassa di manzo; Uccelletti Scappati; Salsa verde; Piccata di Vitello; Liquore di caffè; Bibina (Tacchino) bollita; Torta all’economica; Pasticciata alla Bolognese; Patate col prezzemolo; Piccata; Baccalà; Melanzane ripiena; Risotto Milanese; Glaze con la cioccolata; Salsa bianca; Crosta semplice; Glace col sugo d’arancia o limone; Glace col Rhum o col rosolio. Le ultime 24 pagine sono bianche. Esemplare in buone condizioni di conservazione.

180 Euro

LIQUORI BEVANDE ALCOLICHE CIOCCOLATO LIQUEUR ALCHERMES COGNC VEROMOUNT ROSOLIO ALCOLICI

Ercole Marinoni,

(Manoscritto) Ricette per fare 150 liquori per Marinoni Ercole

s.luogo, s.data (ma 1850 circa)

In 8° piccolo (15×10,2 cm); (254) pp. Bella legatura coeva in piena pergamena molle a busta, con titolo manoscritto da mano coeva al piatto anteriore. Cordone 98in seta per chiudere il volume. Tagli spruzzati. Esemplare in ottime condizioni di conservazione dalla scrittura chiara e leggibile. L’autore, Ercole Marinoni, potrebbe essere colui che intorno al 1880 fu anche sindaco di Busto Arsizio (VA). L’autore comunque sembra apparteere al mondo dei produttori di liquori in quanto più volte, nelle osservazioni aggiunte alle ricette, richiama a cosa sostengono “Alcuni della professione”. Il testo occupa 104 pp. (comprese 4 pagine con un bel pamphlet a gusto risorgimentale dal titolo “Il giorno dei morti il giorno del Papa”, posto in mezzo alle carte bianche, probabilmente per dissimularne l’esistenza) nelle quali vengono descritti 118 liquori. L’opera è un vero e proprio trattato sulla fabbricazione di liquori. Le prime pagine 99sono d’introduzione generale su come distillare le basi dei liquori per poi proseguire, con le vere e proprie ricette dei liquori, a volte con alcune varianti dello stesso liquore. Fra le ricette: Barbados, Escubar (normale e d’Irlanda), Malasia (Malvasia?, normale, all’inglese, all’ampola), Caffè di latte, Cioccolato alla cannella, Cedrata, Portogallo, Di mille fiori, Vaniglia, Olio di Venere, Olio di venere diverso, Olio di Osterlitz, Claretta, Cristofia, Ponch in Liquer, Roislia di BDSC_0157_clipped_rev_1rescia, Verdolino Friense, Peisello Amore, Crema alla cioccolata, Vespelios, Acqua d’oro, Acqua di quattro grane, Acqua d’Argento, Crema 5 frutti, Latte Verginale, Cioccolata Bianca, Latte di Vecchia, Latte di Vecchia diverso, Alchermes (vari tipi dello stesso), Alchermes diverso, Maraschino, Maraschino di Zara, Elezir Garus, Ellexir Stoglen, Elixir Lungavita, Vermount per un fiasco, Balsamo perù, Vino Brulè, Acquavite Maretina, Zabajone, Vino di  Malaga, Curacao d’Ollanda, Elezir China, Aceto dei quattro ladri, Elezir Santè, Orzada, Balsamo di Gerusalemme, Cognac, Absinthe svizzero, Acqua di Boleau, Amaro inglese, Rosolio delle donne Vieiliane (?), Elezir di Vanità, Tintura di rebarbero, Tintura Sacra, Balsamo innocenziale, Veromount per una Brenta, Veromunt della paietta di Pola (o Pora), Vespelio, Rosolio verde, Curcao ecc. ecc. Manoscritto monografico dedicato ai liquori in ottimo stato di conservazione.

380 Euro

CULINARIA GASTRONOMIA MENù MANOSCRITTO RICETTE DOLCI FASCINGRAF ANGUILLA FRITTA PASTICCERIA

Manoscritto contente il menù per un mese e alcune ricette, 1920 circa

103
20,5×14,5 cm; (24) pp. delle quali 20 scritte. Brossura coeva. Manoscritto che raccoglie, giorno per giorno, i menù di qualche casa o hotel, forse in una zona di montagna o collinare, probabilmente lombarda data la presenza, nei menù, di numerosi piatti a base di funghi oltre a trota, risotto e cotoletta alla milanese, risotto ai fegatini, costolette di vitello ed al fatto che  il pranzo viene chiamato colazione. 104“Ag. 1. II Colazione: risotti, uccellini scaffati con contoni di spinaci, coste e fire e frutta fresca. Pranzo, minestra di uova, arrosti di vitello con patate arrosto, insalata mista e frutta cotta; 2. II Colazione: pasta ai piselli, arrrosto di filetto co zucchine e tegoline e insalate, frutta. Pranzo, Pastina in brodo, cotlette alla milanese con tegoline, dolce; 3. II Colazione, minestra in brodo, ossobuchi con polenta e tegoline e insalata, frutta, Pranzo, minestra di riso con verdre, frittura mista con contorni di melanzane e spinaci, frutta cot. … 9. II Colazione, riso all’inglese, bistecche di rosbif con melanzane e fritte e fittelle di semolino, frutta, Pranzo, Zupa Santè, cotoletta alla milanese con patate al forno e tegolino, frutta cotta. …”. Alla fine dei menù sono presenti varie ricette di dolci ed altri piatti: Crema a freddo per torte, Torta marmorizzata, Fascingraf, Salsa piccante calda per le carnilesse, Anguilla in tegame, Anguilla fritta, Crema fredda, Agretti (?), Liquore, Torte dignes (?), Torta semolino, Torta di ciliegie. Esemplare in buone condizioni di conservazione.

90 euro

TIROLO GASTRONOMIA CULINARIA RICETTARIO MANOSCRITTI DOLCI PESCE CACCIAGIONE CACCIA CANEDERLI STRUDEL RANE LUMACHE PASTICCERIA

Ricettario manoscritto di gastronomia della seconda metà dell’ottocento (zona tirolese)

20,2×14,5 cm; (24) pp. Brossura in cartoncino molle. Qualche lieve alone dovuto 105all’utilizzo del manoscritto ma nel complesso esemplare in più che buone condizioni di conservazione. Il manoscritto, viste le ricette descritte, è con ogni probabilità di origine tirolese. Le ricette r106iguardano: Gnocchetti di pane, Gnocchetti di smilsa o di fegato, Gnocchetti di griez o semolino, Minestra leggiera, Piselli fritti, Minestra di frittate, Minestra di lusso, Canederli, Erbaggi, Prueè di patate, Cavoliagri o crauti, Piselli, Funghi, Cibi di magro: Minestre, Zuppa di patate, Zuppa di rane, Zuppa di rane – pesci, Baccalà, Tinca, Chiocciole; Piatti dolci: Torta semplice, Kugelhupf, Pasticetti (Biscotti), Torta di mandorle, Budino di gries e cioccolata, Zabaione, Strudel, Concia per lepre – camoscio – capriolo – manzo, Arrosto a spiede, Fegato di vitello, Cervella, Costolette di vitello, Polpette di carne, risotto, Minsetre: Risi, Minestra di paste, Minestra di pasta grattuggiata. Rara raccolta di ricette tirolesi manoscritte.

280 Euro

RICETTARIO MANOSCRITTO CULINARIA GASTRONOMIA TRENTINO PASTICCERIA

Ricettario manoscritto con ricette manoscritte tra la fine dell’ottocento ed i primissimi del novecento.

108
20,2×16,2 cm; (30) pp. Brossura rigida coeva109 foderata con carta marmorizzata. Le pagine scritte sono 20. Dopo le pagine scritte sono state asportate alcune pagine. Le ultime pagine del quaderno contegono alcuni conti a matita, posteriori alle ricette. Nelle prime 4 pagine, dopo quelle scritte, sono applicate sulle pagine del quaderno, ricette ottocentesche scritte su fogli fronte e retro. Il manoscritto è probabilmente di origine trentina per i piatti trattati anche se alcune ricette sono tipiche anche del vicentino e veronese. Le ricette descritte sono: Salsa di pepe N° 1, Salsa si pepe N° 2, Salsa di Pomidoro N° 3, Salsa di Pomidoro colle patate, Salsa di cipolle, Manzo in umido colle cipolle, Manzo in umido col brodo e col110 pomodoro, Manzo in umido col burro e colle erbe, Manzo in intingolo, Gulasch, Manzo arrosto, Cervello di manzo, Castrato omontone stufato, Intingolo di vitello, Intingolo di vitello colle vedure, Castrato o montone arosto, Pasticietti, Conserva di amframale (?), Torta Margerita, Marmellata di Pera, Una buona torta, Marmellata di mele, Marmellata di ciliegie, Rosogli di limone, Fritti di manzo o castrato, manzo senza condimento, Bisi col lonco (?), Polenta di patate, Trofeni di patate (?), Craffen, Budino caramellato. Esemplare in buone-ottime condizioni di conservazione.

150 Euro

GASTRONOMIA CULINARIA LINGUA FRANCESE PASTICCERIA PASTISSERIE OLANDA GAND HOLLAND

Codex Culinarius, Viandes et patisseries, 1914. A l’usage d’un Gordon-Belau de service chez Madame Georges Schaetsaert.

s.luogo (ma Gand), 1914

113
25×18 cm; 23, 23 cc. Bella legatura artigianale in piena pelle con titolo impresso in oro al dorso e motivi a secco al margine interno dei piatti. Dorso a 5 nervi. Un leggero difetto alla cerniera del piatto anteriore dove è visibile una fessurazione della pelle anche se il volume si presenta ben legato. Copia unica di questo volume dattiloscritto gastronomico del maestro cuoco (che si fregia del titolo di Cordon-Bleu) della celebre famiglia olandese degli Schaetsaert. Il volume è una copia unica con il testo dattiloscritto. Il testo si trova sulla facciata anteriore di ogni foglio. Le prime 23 carte contengono ricette varie mentre, le seconde 23 carte presentano solo ricette di pasticceria. Le ricette sono di invenzione del maestro-cuoco che riprende a volte ricette classiche per rielaborarle. Fra le ricette: Waterzooi de poulets, Poulets aux Champignons, Poulets au vin blanc, Poulets sauce espagnole, Filet de boeuf au Madere, Tete de veau en tortue, Tete de veau au gratin, Poitrine de veau farcie, Soufflé de ris de veau, Ris de veau à la Richelieu, Sautes de veau, Galantine Truffée, Filet de boeuf à la Godard, 114Cotolettes de mouton panées, Gigot de mouton mariné, Gigot braisé, Roulades de vivande de boeuf, Boudins blancs, Soufflé de jambon, Soufflé au formage, Pain de Rognon, Pieds de porc, Paté de Lièvre, Paté de Liévre (Estelle), Poule au riz, Macaroni en forme avec sauce, Veau à étouffée, Epaule de mouton Soubise, Sauce aux petits oignons, Gélée ou jus de viande, Gelée de viande, Croquettes lyonnaises aux marrons, Lapin à la moutarde, Poularde à l’Impériale, Selle de pré salé à l’anglaise, Brioches de pommes de terre, Poulet de gelée, Champignons farcis., Soufflé au macaroni, Prunes Ste Cathrine, Cerises au vinigre, Poires au vinaigre, Oeufs à la Meyerbeer, Fondues au fromage, Pommes de terre soufflées, Potage dentelle, Potage au laurier, Oeufs perdus, Gigot à la royale, Choux fleurs au gratin, Paté de foie de veau, Poulet Marengo, Oeufs sauce tomates, Pour mariner les jambons (recette Clara – idem recette Bon-Papa), Soufflé de jambon, Souce Béarnaise, Sauce italienne, Champignons à la Crème, Sauce mousseline (Mme Rodenbach), Sauce espagnole. Pastisserie: Charlotte russe, Pudding à la moelle, Gateau de Zele, gateau de Grammont, Gateau anglais – Pudding au macaroni, Crème polonaise au citron, Sorbets (pour 20 pers.), Beignets, Bollebusen,Pudding, Pudding, Petits boudins blancs, Pets de nonnes, Tricoda (pour vendredi saint), Macaroni avec pate de beignets, Gateau mousseline, Gateau d’amandes, Crème au Vin blanc, Autre Crème a vin blanc, Créme aux fraises, Crème aux framboises au cerises Galettes Pour Nouvel An (recette tante Nathalie), Gateau de Zele, Ratons, Gaufres (recette tante Maria) Gaufres, Pudding, Koekes, Petites koekes, Crèmes au chocolat (Madame Michal) Gateau de Lourdes, gateaux sablés, Sirop d’oranges, Punch, Colinette, Mousse aux fraises, Flan de cerises, Sirop de citron, Confiture de fraises, Confiture de cerises rouges, Pepite gateaux au citron, Beignets soufflés, Patiences au chocolat (Aline), Pains d’amandes Chartreusse, Couques de Suisse, Riffl, Liquer orangine, Caramels au chocolat, Cara mels au Beurre, Cinfiture d’abricots, Cinfiture de poires. Esemplare unico in buone-ottime condizioni di conservazione ed in bella legatura. A good copy.

450 Euro

KOCHBUCH CULINARIA GASTRONOMIA GASTRONOMIE MANOSCRITTO SETTECENTESCO

Manoscritto settecentesco di cucina in lingua tedesca

Koch Buch

Senza luogo, 1750 circa

115In 4° (20×16 cm); 92, (2), 93-162, (19) pp. 116Legatura coeva in mezza pelle (dorso rifatto nel novecento). Qualche lieve brunitura all’ultima carta, ininfluente e nel complesso esemplare in ottime condizioni di conservazione. Alcuni finalini ornati. Tagli spruzzati. Titolo ornato. A pagina 92 scritta ornata “Ende dieses Cochbuches”. In verità l’opera prosegue per altre 71 pagine. Seguono 7 pagine bianche. Alla fine del volume 9 pagine d’indice che ripercorre le ricette contenute nell’opera fino a pagina 162. Importante manoscritto settecentesco in lingua tedesca scritto in chiara grafia gotica, che riporta 146 ricette gastronomiche. Esemplare unico in ottime condizioni di conservazione.

450 euro